Dott. Severo Rosa sibepsi@libero.it 339/4382816

  • View
    26

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

25 ottobre 2013 Bilancio sull’affidamento condiviso . Alienazione parentale: sindorme si, sindrome no. Come la realtà supera le definizioni. Dott. Severo Rosa sibepsi@libero.it 339/4382816. La Pas di Gardner (1984). - PowerPoint PPT Presentation

Text of Dott. Severo Rosa sibepsi@libero.it 339/4382816

25 ottobre 2013Bilancio sullaffidamento condiviso.Alienazione parentale: sindorme si, sindrome no. Come la realt supera le definizioni

Dott. Severo Rosasibepsi@libero.it339/4382816This template can be used as a starter file for presenting training materials in a group setting.

SectionsSections can help to organize your slides or facilitate collaboration between multiple authors. On the Home tab under Slides, click Section, and then click Add Section.

NotesUse the Notes pane for delivery notes or to provide additional details for the audience. You can see these notes in Presenter View during your presentation. Keep in mind the font size (important for accessibility, visibility, videotaping, and online production)

Coordinated colors Pay particular attention to the graphs, charts, and text boxes. Consider that attendees will print in black and white or grayscale. Run a test print to make sure your colors work when printed in pure black and white and grayscale.

Graphics, tables, and graphsKeep it simple: If possible, use consistent, non-distracting styles and colors.Label all graphs and tables.

1La Pas di Gardner (1984)La manifestazione principale della PAS consiste nel rifiuto immotivato del figlio a mantenere i rapporti con il genitore non affidatario, rifiuto accompagnato da una forte e non giustificata campagna di denigrazione. Tale campagna di denigrazione il risultato di una programmazione diretta e indiretta del genitore alienante e del contributo attivo del bambino (Gardner, 2001). 1. Otto sintomi della PAS di Gardnerla campagna di denigrazione, nella quale il bambino mima e scimmiotta i messaggi di disprezzo del genitore alienante verso quello alienato. In una situazione normale ciascun genitore non permette che il bambino esibisca mancanza di rispetto e diffami laltro. Nella PAS, invece, il genitore alienante non mette in discussione tale mancanza di rispetto, ma pu addirittura arrivare a incoraggiarla;la razionalizzazione debole dellastio, per cui il bambino spiega le ragioni del suo disagio nel rapporto con il genitore alienato con motivazioni illogiche, insensate o, anche, solamente superficiali (esempi citati, Alza sempre la voce quando mi dice di lavarmi i denti, oppure Mi dice sempre Non interrompere!);la mancanza di ambivalenza, per la quale il genitore rifiutato descritto dal bambino come completamente negativo laddove laltro visto come completamente positivo;2. Otto sintomi della PAS di Gardneril fenomeno del pensatore indipendente indica la determinazione del bambino ad affermare di essere una persona che sa ragionare senza influenze e di aver elaborato da solo i termini della campagna di denigrazione senza input del genitore alienante;lappoggio automatico al genitore alienante una presa di posizione del bambino sempre e solo a favore del genitore alienante, qualsiasi genere di conflitto venga a crearsi;lassenza disenso di colpa, per il quale tutte le espressioni di disprezzo nei confronti del genitore alienato trovino giustificazione nel fatto di essere meritate, sorta di giusta punizione;3. Otto Sintomi della Pas di Gardnergli scenari presi a prestito, ovvero affermazioni che non possono ragionevolmente provenire direttamente dal bambino, quali ad esempio luso di frasi, parole, espressioni o la citazione di situazioni normalmente non patrimonio di un bambino di quell'et per descrivere le colpe del genitore escluso;infine, lestensione delle ostilit alla famiglia allargata del genitore rifiutato, che coinvolge, nellalienazione, la famiglia, gli amici e le nuove relazioni affettive (una compagna o un compagno) del genitore rifiutato.Passaggio da Sindrome a Disturbi relazionali:Con il termine sindrome si intende, in medicina, un insieme segni clinici individuali che rappresentano le manifestazioni di una o diverse malattie.Le problematiche affini allalienazione vengono categorizzate nel DSM-V nei disturbi relazionali.Alienazione ParentaleLe conclusioni della comunit scientifica non consentono di considerare il bambino come malato in quanto influenzato negativamente da un genitore; attualmente si ritiene pi correttamente che si possa parlare di Alienazione Parentale e non di Sindrome di Alienazione Genitoriale, ritenendo che essa coinvolga una relazione tra almeno tre persone, ciascuna delle quali d il proprio personale contributo in misura variabile da caso a caso. Il fatto che il maltrattamento non costituisca una sindrome, non significa che non esista il grave fattore di rischio evolutivo Patologia relazionaleIl fenomeno origina da una patologia della relazione che include il bambino ed entrambi i genitori, ognuno dei quali porta il proprio contributo.Va anche detto che la scelta del termine alienazione lascia comunque dei dubbi. Il termine disaffezione genitoriale pi adeguato ed esplicito Alienazione e disafezione: la costruzione dei costrutti di significatoLalienazione richiama lindividuazione dei colpevoli;La disafezione individua una problematica relazionale, che comporta un grave fattore di rischio evolutivo psico affettivo, approposito della quale ogni componente della famiglia ha un ruolo di cura.M. Glauco, N. Bartone, P. Bianco, Maltrattamento e Abuso allInfanzia n.2 del 2013Lalienazione appare pertinente nelle situazioni in cui il fenomeno della suggestione di un genitore ai danni del minore sia dichiarato dallevidenza dei fatti e non ricercato attraverso un disfuzionamento relazionale.Societ Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'AdolescenzaLa nozione di Alienazione Parentale (non di PAS) inoltre riconosciuta come possibile causa di maltrattamento psicologico dalle Linee Guida in tema di abuso sui minori della SINPIA (2007). La SINPIA ribadisce come sia importante adottare le precauzioni e le misure necessarie, come impongono le recenti sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, per garantire il diritto del minore alla bigenitorialit e tutelarlo dagli ostacoli che lo possono minacciare . DSM-V (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) e i disturbi rellazionaliUn problema di relazione pu essere significativo dal punto di vista clinico sia perch pu essere la causa che porta l'individuo a cercare lassistenza medica sia perch pu rappresentare il problema che influenza il percorso, la prognosi o il trattamento di ogni tipo di disturbo fisico o mentale dell'individuo.

Quattro categorie di problemi relazionaliV61.20 (Z62.820) Problema di relazione genitore-bambino;V61.8 (Z62.891)Problemi relazionali tra fratelli;V61.8 (Z62.29) Crescere lontano dai genitori;V61.29 (Z62.898) Bambini che risentono di una relazione genitoriale conflittuale.

1) V61.20 (Z62.820) Problema di relazione genitore-bambino (manca lanalisi triadica)Solitamente, un problema nella relazione genitore-bambino compromette le sfere comportamentali, cognitive o affettive:Esempi di problemi comportamentali includono un controllo genitoriale inadeguato, litigi che arrivano fino alla minaccia o la violenza fisica; o ancora aggirare i problemi senza risolverli.

2) V61.20 (Z62.820) Problema di relazione genitore-bambino (manca lanalisi triadica)I problemi cognitivi possono includere il malinterpretare le intenzioni dell'altro, l'ostilit, l'usare l'altro come capro espiatorio e un immotivato sentimento di abbandono; I problemi affettivi possono includere sentimenti di tristezza, apatia o rabbia nei confronti dell'altra figura coinvolta nella relazione.V61.8 (Z62.891)Problemi relazionali tra fratelliQuesta categoria dovrebbe essere usata quando l'attenzione clinica si concentra sul sistema di interazione tra fratelli che associato a un siginificativo indebolimento del rapporto familiare o individuale o con lo sviluppo di sintomi in uno o pi dei fratelli o quando un problema relazionale tra fratelli influisce sul percorso, la prognosi o il trattamento di qualsiasi tipo di disordine fisico o mentale tra fratelli. Questa categoria pu far riferimento sia a bambini che ad adulti coinvolti in una relazione tra fratelli. I fratelli in questo contesto comprendono fratelli biologici, solo di padre o solo di madre, acquisiti, in affidamento o adottivi. V61.8 (Z62.29) Crescere lontano dai genitoriQuesta categoria dovrebbe essere usata quando l'attenzione clinica si concentra su problematiche del bambino cresciuto lontano dai genitori o quando il fatto di crescere a distanza interferisce con il percorso, la prognosi o la cura di ogni tipo di disordine fisico e mentale []. (Problema della diagnosi specifica del caso rispetto alla genericit del problema). Questa condizione non si verifica per ordine o decisione di un tribunale. V61.29 (Z62.898) Bambini che risentono di una relazione genitoriale conflittualeQuesta categoria viene usata quando l'attenzione clinica si concentra sugli effetti negativi di una relazione genitoriale conflittuale (come per esempio nel caso di pesanti conflitti, sofferenza o abbandono) sul bambino inserito in tale famiglia. Ne derivano effetti a livello di disordini sia mentali che fisici del bambino.Livelli di gravit di Alienazione (e di disaffezione)In accordo con Gardner, Gulotta, Cavedon e Liberatore (2008) hanno descritto tre diversi tipi di AP: lieve, moderata e grave. Nel tipo lieve, la disaffezione relativamente superficiale ed il figlio collabora alle visite col genitore denigrato, ma si dimostra a tratti ipercritico e poco disponibile. Nel tipo moderato, la disaffezione pi profonda: il figlio appare pi aggressivo ed irrispettoso e la campagna di denigrazione pu essere quasi continua. Nel tipo grave, le visite al genitore alienato possono essere impedite da vissuti e intense manifestazioni di persecuzione/ostilit da parte del figlio.

Violazione dei diritti relazionali: livelli di interventoLe implicazioni psicosociali e giuridiche della violazione dei diritti relazionali dei soggetti coinvolti in tali situazioni giustifica la messa in atto di interventi e di provvedimenti psicosociali e g